Premio Agorà 2003

SEZIONE RACCONTI

1) Classificata Pizzo Antonella Ragusa con i Dolci

Un acquerello intimistico che sembra disegnato da Giuseppe Marotta, il quale ci porta per

mano, passo dopo passo, attraverso indimenticabili itinerari urbani, verso una dimensione

umana ai più sconosciuta ma in effetti reale e incombente nella vita di ciascuno di noi. Un

racconto breve e pure tanto lungo da poter contenere innumerevoli flash di intensa luce

etnologica, e ancora affetti, amori, sorrisi e pianti, una infinità di sentimenti, così come li

abbiamo letti anche nel conterraneo Verga… una via di Sicilia insomma, anzi un ronco, esso

stesso personaggio, che porta ad una casa dove una donna attende giorno dopo giorno il

ritorno dell’uomo amato; una delicata storia raccontata con estrema semplicità e pudore,

personificata attraverso il toccante colloquio che si svolge tra una madre, che non accetta la

morte del marito avvenuta tanti anni prima, e la figlia la quale tuttavia accetta come naturale

questa vita parallela vissuta dalla madre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...