Ogni forma geometrica mi rendo
in testa me la rappresento chiara
le linee tonde vado ripetendo
nella mia mente come una scolara

 
studio di dischi e curve di livello
lucide sfere globi e palle tonde
è tutto un movimento un gran bordello
enorme confusione di  cervello

 
maeba dice dell’occhio della bolla
carapolvere parla della biglia
alessandra filosofeggia (colla

 
sua sapienza spesso meraviglia)
ma  cito il  giramento di una palla
e il trattato  sul tondo  s’assottiglia

 

sfere