Scanzunati

Acqua e fango

Acqua e fango, affogo, affogo

l’onda sale e tutto piglia

acqua e fango, arranco, arranco

se i capelli fossero di corda

se le braccia fossero due remi

se le mie spalle penne dorsali

se le gambe sapessero nuotare

mi libererei di questo mio nemico

che forte rompe e tutto mi sconquassa

che forte sbatte e forte mi martella

quest’acqua amica questo mio mare azzurro

ora m’ammazza, ora m’assassina.

Acqua e fango, affogo, affogo

l’onda sale e tutto piglia

acqua e fango, arranco, arranco

se la mia bocca sapesse respirare

se i polmoni fossero due branchie

se il mio corpo potesse galleggiare

se la mia barba fosse corda lunga

io mi salverei da questo mio nemico

che forte scassa e tutto mi fracassa

che forte piglia e forte mi martella

quest’acqua amica questo mio mare azzurro

ora mi inghiotte, ora mi stritola.

Nell’acqua affogo e poi nel fango arranco

e l’onda sale e l’onda mi distrugge

e l’onda porta e acqua e fango arranco

arranco e sale l’acqua e il fango cala

sopra i fianchi cammina il mio destino

e nella nuca si ferma e mi accarezza.

***
Acqua e fancu, affucu, affucu

l’unna acciana e tuttu pigghia

acqua e fancu, arrancu, arrancu

se li capiddi fussiru di corda

se li urazza fussiru du remi

se li mo spaddi pinni dursali

se li jammi sapissunu natari

mi libberassi di stu mo nimicu

ca forti rumpi e tuttu ti sconquassa

ca forti sbatti e forti mi martedda

chist’acqua amica stu mo mari azzurru

ora m’ammazza ora m’assassina.

Acqua e fancu, affucu affucu

l’unna acciana e tuttu pigghia

acqua e fancu arrancu arrancu

se la mo ucca sapissi respirare

se li purmuna fussuri du branchi

se lu mo cuorpu putissi galleggiari

se la mo varba fussi corda lonca

iu mi salvassi di stu mo nimicu

ca forti scassa e tuttu mi fracassa

ca forti pigghia e forti mi martedda

chist’acqua amica stu mo mari azzurru

ora m’agghiutti, ora mi macina.

Nell’acqua affucu e appuoi no fancu arrancu

e l’unna acciana e l’unna mi distruggi

e l’unna porta e acqua e fancu arrancu

arrancu e acciana l’acqua e u fancu cala

supra li cianchi camina u mo distinu

e nni lu cuozzu si ferma e m’accarizza.

Annunci