non pensavo a tanto. a tanta cosa che lascia qui e soli. e vuole per noi altra cosa, nuova. non pensavo che a cosa aperta, qui. cuore forse, mano. o parola come cosa che ci apre qui e ci tocca. cosa che batte e sta fuori e dentro, in effetti, vibrando.

poi capita che il corpo cada, che fondi altra via, subacquea. il corpo, lascia terra per sempre. e vola, un poco. e sale. poi cede perché corpo, cosa estesa e dunque peso, ostile al nuoto e all’aria a volte. e nessuna voglia di tornare. o forse sì

a casa probabilmente. là dove casa è scritta nella carne, dentro. nel corpo come il volo o l’acqua, come l’amore e i figli. non pensava a tanto. e non per sempre. solo chiudere un libro, aprirne un altro.

*****

Nun pinzava a tantu. a tanta cosa ca ni lassa cà e suli. e voli n’àutra cosa, nova. nun pinzava ca a na cosa raputa, cà. cori, forsi, manu. o parola comu na cosa ca si rapi cà e ni tocca. cosa ca sbatti e sta fora e dintra, muviènnusi.

appuoi capita ca si cari, s’anventa n’àutra strata, sutt’acqua, lassa a terra pi sempri. e vola, taìccia. e acciana. cari ri bbanuovu picchì è carni e pisa, cuntrària all’acqua e certi voti all’aria. E nun avi vògghia ri turnari. o forsi l’avi.

a casa forsi. dda unni casa è scritta nna carni, rintra. Nna carni comu ’n vuolu e l’aria, comu l’amuri e i figghi, nun pinzava a tantu, e no pi sempri. sulu ciùrriri nu libbru e rapìrini n’àutru.

La distanza immedicata – Stefano Guglielmin

Annunci